Stop alla speculazione

Banner Web beschnittenLa speculazione sui beni alimentari è la forma la più ripugnante della ricerca del profitto. Con le loro scommesse, le banche spingono verso l’alto i prezzi dei beni alimentari e condividono così la responsabilità della fame nel mondo. Pochi privilegiati si arricchiscono a spese di miliardi di persone. La Svizzera si immischia in questo commercio, in quanto sede di numerose aziende negozianti materie prime e di attori della finanza. Con l’iniziativa “stop alla speculazione” possiamo cambiare tutto ciò. Mettiamo di nuovo al centro i bisogni dell’umanità. Non si gioca con il cibo!

Argomenti

Testo dell’iniziativa

Sostenere

ArgumentI 

Fermare gli speculatori
LL’iniziativa “stop alla speculazione” pone dei limiti all’arricchimento degli speculatori. Come le cavallette, i mercati finanziari sono alla costante ricerca di nuovi campi da sfruttare. È perciò urgente mettere un freno a questa pratica. La speculazione è superflua in ogni ambito e serve soltanto all’arricchimento dei super-ricchi e delle aziende, e ciò a scapito dei più poveri. Invertiamo questa tendenza cominciando dalla forma la più ripugnante di speculazione.

Combattere la fame
Con l’iniziativa “stop alla speculazione” contribuiamo alla lotta contro la fame nel mondo. Sempre più materie prime di tipo agricolo finiscono nelle mani dei mercati finanziari. Solo una piccola parte del commercio di beni alimentari avviene ancora tramite lo scambio di materie realmente esistenti, mentre la maggior parte delle transazioni è ormai composta da scambi borsistici e tra istituti finanziari. Questo gioco d’azzardo delle borse provoca delle incredibili fluttuazioni e degli aumenti dei prezzi che hanno già provocato la morte di fame di milioni di esseri umani. Noi vogliamo riportare il commercio dei beni alimentari nel mercato reale, affinché si ritorni al suo obiettivo originario di nutrire gli esseri umani. Meno speculazione significa più stabilità e prezzi più bassi.

Pensare globalmente, agire localmente
Come Svizzera siamo esattamente al posto giusto per combattere la speculazione sui prodotti alimentari con questa iniziativa. Una fetta molto grande della speculazione sui beni alimentari avviene infatti proprio da noi e le più grandi aziende del commercio di materie prime hanno pure la loro sede principale In Svizzera. La lotta contro il commercio della fame deve per questo cominciare proprio qui. Fino ad oggi solo qualche nazione si è dotata di contro-misure. È tempo che la Svizzera dia il buon esempio impegnandosi per un divieto a livello internazionale della speculazione sui beni alimentari.

Testo dell’iniziativa 

I
La Costituzione federale è modificata come segue:

Art. 98a (nuovo) Lotta alla speculazione sulle materie prime agricole e sulle derrate alimentari
1 La Confederazione emana prescrizioni volte a combattere la speculazione sulle materie prime agricole e sulle derrate alimentari. In tale ambito si attiene ai principi seguenti:
a. le banche, i commercianti di valori mobiliari, le assicurazioni private, gli investimenti collettivi di capitale e le persone responsabili della loro gestione e amministrazione patrimoniale, gli istituti delle assicurazioni sociali, gli altri investitori istituzionali e i gerenti patrimoniali indipendenti con sede o domicilio in Svizzera non possono investire né per proprio conto o per conto dei clienti, né direttamente o indirettamente, in strumenti finanziari che concernono materie prime agricole e derrate alimentari. Tale divieto si applica anche alla vendita dei relativi prodotti strutturati;
b. è ammessa la conclusione di contratti con produttori e commercianti di materie prime agricole e derrate alimentari che vertono sulla garanzia delle scadenze o dei prezzi per la consegna di determinate quantità.
2 La Confederazione provvede all’esecuzione efficace delle prescrizioni. In tale ambito si attiene ai principi seguenti:
a. la vigilanza nonché il perseguimento e il giudizio penali competono alla Confederazione;
b. le imprese inadempienti sono punibili a prescindere da carenze organizzative interne.
3 La Confederazione s’impegna a livello internazionale a favore di una lotta efficace su scala mondiale alla speculazione sulle materie prime agricole e sulle derrate alimentari.

II
Le disposizioni transitorie della Costituzione federale sono modificate come segue:
Art. 197 n. 9 (nuovo)
9. Disposizione transitoria dell’art. 98a (Lotta alla speculazione sulle materie prime agricole e sulle derrate alimentari)
Se le disposizioni legali non entrano in vigore entro tre anni dall’accettazione dell’articolo 98a da parte del Popolo e dei Cantoni, il Consiglio federale emana mediante ordinanza le necessarie disposizioni d’esecuzione; queste si applicano fino all’entrata in vigore delle disposizioni legali.

Sostenere 

Fare una donazione
Sul conto postale dell’iniziativa stop alla speculazione: 85-760275-1
Iniziativa stop alla speculazione
GS Svizzera
3001 Berna