La Vallonia resiste dinnanzi alla dittatura delle multinazionali

“Ci troviamo nell’anno 2016 dopo Cristo. L’europa tutta è caduta vittima degli intrighi della dittatura delle multinazionali… Tutta l’europa? No! Un villaggio di irriducibili popolato da belgi non smette di opporre la necessaria e urgente resistenza. Quì la vita non è facile per i dittatori delle multinazionali, i quali esercitano il proprio potere di occupazione attraverso le proprie legioni Nestlum, Novarticum, Glencors, Xtratum und Petrolum. vedere l’articolo

A tutti gli approfittatori finanziari: Game Over!

A Ginevra, Zurigo e Lugano ogni giorno centinaia di trader sono seduti davanti ai loro computer high-tech e speculano in borsa su prodotti alimentari, causando così enormi fluttuazioni di prezzo con conseguenze disastrose per milioni di persone nei paesi più poveri al mondo. L’iniziativa “Stop alla speculazione sulle derrate alimentari“ vuole cambiare ciò. vedere l’articolo

Campo estivo 2015

Dal primo al 6 agosto la GISO ha partecipato, unitamente ad altre 22 sezioni svizzere e per la prima volta dalla sua rinascita lo scorso mese di settembre, al campo estivo della JUSO nazionale tenutosi a Chandolin, piccolo villaggio di montagna incastonato nella magnifica cornice delle alpi vallesane, a quasi 2000 metri di altitudine. vedere l’articolo

L’ipocrisia della Svizzera a EXPO 2015

Ci vogliono azioni piuttosto che belle parole sulla fame nel mondo!

Alla Svizzera risulta difficile impegnarsi coi fatti contro la speculazione alimentare e quindi contro la fame nel mondo, mentre le viene facile vendersi all’EXPO con la descrizione “nazione attrattiva, solidale e responsabile”. Con quest’azione la Gioventù Socialista Svizzera, tra cui 4 Giovani Socialisti Ticinesi, ha protestato contro l’ipocrisia della Svizzera.

A Milano, la Confederazione fa la sua apparizione con un padiglione con 4 torri piene di cibo con lo slogan “Il senso di responsabilità di ogni individuo decide quanto lasciare per gli altri e per quanto tempo. Ce ne sarà abbastanza per tutt*?” vedere l’articolo

Trasparenza sui finanziamenti alla politica

di Giulio Bozzini

Per essere certi di vivere in una democrazia libera da qualsiasi forma di corruzione, è fondamentale poter conoscere gli interessi economici che ruotano attorno ai partiti e ai loro rappresentanti da noi scelti per governarci. Gli elettori e le elettrici hanno il diritto di sapere quali sono le persone, organizzazioni o aziende interessate all’elezione di determinati candidati e candidate. Questa mancanza di trasparenza contribuisce notevolmente a ridurre la credibilità della “classe politica”, e quindi anche della nostra democrazia. vedere l’articolo

Un patto generazionale per il lavoro

Di Andrea Ghisletta  (GISO) e Pelin Kandemir Bordoli, candidati al Gran Consiglio

In Ticino la disoccupazione giovanile è un problema. Ed è un problema serio anche perché sfugge in gran parte alle statistiche. Un giovane che non ha mai lavorato non può far capo alla disoccupazione e molti di loro non risultano dalle cifre che ci fornisce regolarmente la Segreteria di Stato all’economia o da quelle della statistica cantonale. Tali cifre attestano comunque la disoccupazione giovanile nel nostro cantone a percentuali molto più elevate rispetto alle altre età. vedere l’articolo

Posta quo vadis?

di Denise Maranesi, Consigliera Comunale di Chiasso:

Anche a Chiasso, come a Mendrisio è stata ventilata l’ipotesi di chiudere l’ufficio postale di Boffalora per far posto ad un’agenzia postale presso la Migros.
Scelta che a noi come gruppo socialista non pare logica, in quanto lo stesso ufficio è molto ben frequentato sia dalle persone residenti nel quartiere, sia da coloro che lavorano nelle piccole medie imprese, senza dimenticare le persone che abitano nei comuni limitrofi. Essendo un punto di snodo determinante per la nostra cittadina i servizi andrebbero ampliati e rafforzati anziché ridotti. Questa scelta mette in pericolo i commerci presenti sul territorio, già sotto pressione dalla difficile situazione economica. vedere l’articolo

www.campagnagiso.ch

I nostri candidati al Gran Consiglio sono presenti anche sul sito www.campagnagiso.ch Vi invitiamo a visitarlo ed a ritornarci regolarmente per vedere i contributi scritti dei nostri 11 giovani candidati!

Di disuguaglianze e di Belle Époque

di Andrea Ghisletta, Candidato al Gran Consiglio per la Gioventù Socialista

 

È inammissibile che, nel mondo e nel nostro Cantone, ci siano persone che non hanno
abbastanza e allo stesso tempo persone che hanno troppo.
Chi non ha abbastanza è molta più gente di quanto si possa pensare: secondo l’Ufficio di
statistica, in Ticino il 29,0% della popolazione convive con un reddito disponibilie inferiore alla
soglia di povertà, il doppio rispetto alla media Svizzera. Queste persone non potrebbero
affrontare spese impreviste anche solo di 2000 franchi, come ad esempio un intervento dal
dentista. vedere l’articolo